Lingua:
Cerca: 
 Home
 Azienda
 Calendario Corsi
 Corsi Merci Pericolose
 Corsi Sicurezza Aerea
 Spedizioni Merci Aeree
 Corsi Trasporto Aereo
 Corsi Aeroporti Terminal
 Corsi Aeroporti Piazzale
 Safety Management System
 Corsi Sicurezza Lavoro
 Corsi Security
 Formazione Finanziata
 Servizi di Consulenza
 Prodotti
 X-ray e Metal Detector
 M@il diretta
 Contatti
 Partners
 Riferimenti Normativi
 Norme Sicurezza Aerea
 Norme Safety Aerea
 Norme Trasporto via aerea
 Norme Trasporto su strada
 Norme Trasporto via mare
IMDG Errata Corrigenda 2
IMDG Erratum 1
Circolare 30/2015
Circolare 29/2014
DD 303/2014 Transhipment
Codice IMDG 36-2012
Circolare 25/2011
Codice IMDG 35-2010
Codice IMDG ed. 34-08
DM22ottobre2010 via mare
Decreto 481/2010
Circolare 23/2009
DPR 6 giugno 2005
 Norme Trasporto vie nav.
 Norme Trasporto ferrovia
 Normativa Aeronautica
 Blog
 Archivio News
 Archivio Newsletters
 Presentazione candidature
 Note ai Servizi
Norme Trasporto via mare - Circolare 23/2009
Documento Descrizione

Circolare 23/2009 Comando Generale Corpo Capitanerie di Porto


in formato .pdf scaricabile

La circolare 23/2009 della serie Merci Pericolose del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto del 24 novembre 2009 introduce le istruzioni applicative circa l'entrata in vigore dell' IMDG Code (Amdt 34-08)  nello specifico dell'argomento "formazione" trattato nel cap 1.3

La normativa internazionale presenta importanti modifiche ed dal 1° gennaio 2010 impone dettagliati obblighi formativi per tutto il personale a terra impiegato secondo mansione e responsabilità nelle operazioni di trasporto marittimo di merci pericolose.

Le istruzioni citano la tabella 1.3.1.5 del Codice IMDG che indica le figure professionali ed i conseguenti argomenti che devono diventare di loro conoscenza a seguito di un corso che sia strutturato, secondo la  succcessiva tabella 1.3.1.6, con rimandi a determinate sezioni e parti del codice stesso nonché di altre normative internazionali. 

I corsi vengono suddivisi in formazione base e specifica che sia più approfondita se rivolta a più alti livelli d'azione e responsabilità nelle operazioni e sono programmati per sessioni di aggiornamento ogni 4 anni se non intervengono variazioni produttive o normative che riportino l'obbligo a interventi formativi prima della scadenza citata.

Le società interessate, cita la Circolare, dovranno saper dimostrare l'avvenuta formazione con documentazione che sia resa a disposizione dei controlli che le Autorità marittime vogliano effettuare in qualunque momento.  
 

 - . - . -