Lingua:
Cerca: 
 Home
 Azienda
 Calendario Corsi
 Corsi Merci Pericolose
 Corsi Sicurezza Aerea
 Spedizioni Merci Aeree
 Corsi Trasporto Aereo
 Corsi Aeroporti Terminal
 Corsi Aeroporti Piazzale
 Safety Management System
 Corsi Sicurezza Lavoro
 Corsi Security
 Formazione Finanziata
 Servizi di Consulenza
 Prodotti
 X-ray e Metal Detector
 M@il diretta
 Contatti
 Partners
 Riferimenti Normativi
 Norme Sicurezza Aerea
Reg. UE 2019_103
Reg. UE 2017_815
Reg. UE 2015_1998
PNS Sicurezza
Circolare ENAC SEC 05A
Circolare ENAC SEC 04
Circolare ENAC SEC 05
Circolare ENAC SEC 06
Formazione Security ENAC
Convenzioni trasp.aereo
Norme int.sicurezza aerea
Norme UE sicurezza aerea
Reg. UE sicurezza aerea
Norme naz.sicurezza aerea
 Norme Safety Aerea
 Norme Trasporto via aerea
 Norme Trasporto su strada
 Norme Trasporto via mare
 Norme Trasporto vie nav.
 Norme Trasporto ferrovia
 Normativa Aeronautica
 Blog
 Archivio News
 Archivio Newsletters
 Presentazione candidature
 Note ai Servizi e Privacy
Norme Sicurezza Aerea - Norme naz.sicurezza aerea

 In vigore in Italia nell'ambito della sicurezza del trasporto aereo

Codice della Navigazione 
 

L'attuale codice della navigazione marittima ed aerea entrò in vigore nel 1942. Contiene le disposizioni che regolano il trasporto di persone e cose. Definisce, tra l’altro, le responsabilità ed i poteri del Direttore di Aeroporto in materia di sicurezza aeroportuale e stabilisce le sanzioni per inosservanza ai provvedimenti dati dall’Autorità. Il codice è stato incisivamente modificato, per la parte aerea, dal decreto legislativo 96/2005 e dal decreto legislativo 151/2006.

Decreto Ministeriale  85/99

E' stato emanato nel 1999 in attuazione della legge 217 del 1992 per consentire l’affidamento a soggetti privati dei controlli di sicurezza operati in ambito aeroportuale che fino ad allora venivano assicurati dalle Autorità di Polizia.  

Programma Nazionale di Sicurezza

Elaborato e aggiornato dal Cisa (Comitato Interministeriale per la Sicurezza Aerea e degli Aeroporti) è inserito nel più ampio quadro di cooperazione internazionale ed ha lo scopo di assicurare l'incolumità di passeggeri, equipaggi, operatori, pubblico ed infrastrutture aeroportuali e di gestire la regolarità e l'efficienza dell'aviazione civile nella prevenzione degli atti di interferenza illecita.

Il PNS è articolato in 9 schede, corrispondenti ad altrettante aree di controllo e sorveglianza e 3 programmi (Programma Aeroportuale di Sicurezza, Programma Nazionale dei controlli di qualità, Programma di Sicurezza delle Compagnie Aeree).

Le operazioni di sicurezza previsti nelle aree aeroportuali sono rivolti a persone (passeggeri ed operatori aeroportuali), bagagli (a mano e da stiva) e merci secondo i controlli previsti dalle Schede 1, 2, 3 e 5 del PNS

Nel dettaglio, la Scheda 3 è di essenziale riferimento per l'ambito operativo degli Agenti Regolamentati. 


Citando il Decreto Legislativo 9 maggio 2005, n. 96, "L'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile (ENAC), nel rispetto dei poteri di indirizzo del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, nonché fatte salve le competenze specifiche degli altri enti aeronautici, agisce come unica autorità di regolazione tecnica, certificazione e vigilanza nel settore dell'aviazione civile, mediante le proprie strutture centrali e periferiche, e cura la presenza e l'applicazione di sistemi di qualità aeronautica rispondenti ai regolamenti comunitari".  


Documento Descrizione

Direttiva ENAC 100429


in formato .pdf scaricabile

Documento Descrizione

Emendamento Direttiva ENAC 100429


in formato .pdf scaricabile

A seguito dell'entrata in vigore del Regolamento UE 185/2010 direttamente applicabile in tutti gli Stati membri dal 29 aprile 2010, ENAC ha emesso la Direttiva 100429 del giorno 29 aprile 2010 (e successivo emendamento del 6 maggio) con la quale esplica tutta la parte attuativa del regolamento europeo divenuto obbligatorio anche in territorio Italiano ed  indica dove sia rimasto corso di validità l'attuale normativa del Piano di Sicurezza Nazionale - scheda nr.3 - , situazione che persisterà fino a nuova emanazione, da parte dell'ENAC stessa, di nuove procedure completamente allineate con il Regolamento Europeo.